AVVISO

è in corso una raccolta firme promossa dall’anagrafe antifascista www.anagrafeantifascista.it a sostegno di una legge di iniziativa popolare tesa all’introduzione ed inasprimento, ove presenti, delle “norme contro la propaganda e la diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti”

Siccome questo è un sito di divulgazione di corretta informazione, e per questo profondamente antifascista, aderisce incondizionatamente all’iniziativa invitando tutti i lettori a sottoscriverne la proposta.

www.anagrafeantifascista.it

 


 

Siete davvero sicuri di sapere cos’è il fascismo?

Se vi sentite un po’ fascisti, probabilmente no, perché il fascismo non è solo un modo di agire, ma una vera e propria dottrina tesa ad annullare la personalità, l’individualità e la dignità della persona, il fascista non è quello che comanda, ma colui che viene sottomesso, scopritelo nel sito, attraverso la lettura del testo scolastico a firma di Benito Mussolini.

Nota:

Il libro LA DOTTRINA DEL FASCISMO fu edito durante il periodo fascista ad uso scolastico per i licei classici e  scientifici e gli istituti magistrali, per questa ragione è composto di due parti  distinte tra loro, la prima contenente le idee fondamentali e la dottrina politica e sociale e la seconda contenente le leggi del fascismo.

Il saggio fu pubblicato per la prima volta nel 1932 nella versione presente nel sito con la sola firma di Benito Mussolini come autore, sappiamo, però, che il primo capitolo intitolato IDEE FONDAMENTALI ha ricevuto solamente la piena condivisione di vedute da parte Mussolini, mentre è da attribuire al filosofo Giovanni Gentile che ne pubblicò il contenuto con il titolo di ORIGINI E DOTTRINA DEL FASCISMO già nel 1929.

La seconda parte,  DOTTRINA E POLITICA SOCIALE, è invece interamente attribuibile allo stesso Mussolini.

Il libro utilizzato per le scansioni del testo è una ristampa originale del 1936.

Il contenuto del sito è semplice: ogni singolo argomento è scritto in un articolo differente che gli utenti possono commentare.

Non si tratta di un forum, sebbene il testo fornisce spunti di riflessione  per i  lettori che decideranno secondo la loro sensibilità se in accordo o meno con i contenuti descritti.

Vai alla prefazione ed all’indice